Notizie Locali


SEZIONI
Catania 9°

ROMA

Doping, Wiggins e Froome tra hackerati

Di Redazione |

ROMA, 15 SET – Ci sono anche Bradly Wiggins, baronetto della corona in forza dei suoi successi olimpici (5 ori, un argento e due bronzi nel ciclismo tra pista e strada), e il tre volte vincitore del Tour de France Chris Froome tra i 25 atleti i cui file presso l’agenzia mondiale antidoping sono stati ‘rubati’ da hacker russi nella nuova incursione annunciata stanotte dalla Wada. Lo scrive la Bbc. Secondo il sito della tv del Regno Unito, per i due ciclisti britannici non vi sarebbe alcun profilo di illecito: i file rubati dal gruppo ‘Fancy Bear’ riguardano le esenzioni a uso terapeutico: si tratta di quei medicinali che gli atleti assumono per motivi di salute e che devono essere denunciati in anticipo alla Wada per non incorrere in positività. Secondo il gruppo di hackers che ha violato l’archivio informatico dell’agenzia e reso pubblici i dati, in realtà quelle esenzioni sarebbero “licenze per il doping”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA