Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Palermo

Il Liceo Meli di Palermo si aggiudica il premio "Pi greco e gli irrazionali" organizzato dal Politecnico di Milano

Di Redazione
Pubblicità

La matematica diventa 'smart' e creativa e mette in fila nuove tecniche di apprendimento per motivare gli studenti attraverso un approccio intuitivo ed efficace finalizzato alla fruizione. Il 12 marzo 2021 la classe 2° I - Ippocrate del Liceo Classico Internazionale Statale "Giovanni Meli" di Palermo si è aggiudicata il premio della sezione video (scuole superiori) della gara matematica nazionale "Pi greco e gli irrazionali", organizzata dal Laboratorio Effediesse del Politecnico di Milano in occasione del PiDay 2021, a cui hanno partecipato 89 squadre provenienti da tutta l'Italia.

Nel videoclip presentato alla gara, ideato e curato da cinque studenti della scuola, guidati dal professore Massimo Panzica, docente di Matematica e Fisica, è stata messa in scena una piccola rappresentazione con lo scopo di mostrare, in una sequenza sviluppata in modo originale e creativo, come sia possibile ottenere una buona stima di pi greco in situazioni quotidiane apparentemente molto lontane dall'immaginario mondo matematico fatto di regole fredde e astrazioni.

Il caso proposto mostra nell’esempio l’effetto ottenuto rovesciando delle graffette per terra. 

Dalla vita pratica di ogni giorno che contiene elementi che non siamo abituati a considerare alle dinamiche pratiche che diventano oggetto di studio e di dimostrazione, le nuove tecniche accorciano la distanza tra una dimensione teorica e il riflesso pratico dell’apprendimento. 

Nel corso della premiazione, la giuria ha infatti sottolineato come la squadra vincitrice abbia «colto lo spirito della manifestazione ed il modo corretto di approcciare la Matematica a scuola».

La squadra vincitrice: (da sinistra a destra) Prof. Massimo Panzica, Cristiana Cataldo, Carlo Palma, Simone Lo Coco, Flavio Di Benedetto, Michela Vitale.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità