Notizie locali
Pubblicità

Italia

Incendi:Coldiretti Puglia, danni a campi di grano e frutteti

'Roghi nel 60% dei casi innescati volontariamente'

Di Redazione

BARI, 19 GIU - In Puglia, a causa degli incendi, "nel 60% dei casi innescati volontariamente", stanno andando in "fumo anche i campi di grano, i pini e gli alberi da frutto, provocando danni ambientali ed economici ingenti alle aziende agricole": è quanto denuncia Coldiretti Puglia. L'area maggiormente colpita è quella del Salento, dove si stanno sviluppando anche "i roghi alimentati dall'abbandono dei campi con gli ulivi che si sono seccati a causa della Xylella". "Dopo mesi di attesa - dice il delegato confederale di Coldiretti Lecce, Pietro Piccioni - proprio quando gli agricoltori devono raccogliere il frutto del proprio lavoro, in un'annata in cui i costi di produzione sono saliti alle stelle con 600 euro di più sostenuti dai cerealicoltori per ogni ettari di grano messo a dimora, è inaudito che debbano subire inermi un danno del genere, perdendo ogni fonte di redito in un attimo". Per ricostituire i boschi - sostiene Coldiretti Puglia - ridotti in cenere dal fuoco ci vorranno fino a 15 anni con danni all'ambiente, all'economia, al lavoro e al turismo. La Coldiretti ha elaborato un decalogo per combattere gli incendi: "Soprattutto nelle campagne - si legge - non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi. La prima regola per non causare l'insorgenza di un incendio è quella di evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via che il fuoco sia spento".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: