Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

Tragedia

Accoltella moglie e figli a Cianciana: i due bimbi in gravi condizioni. Lui si barrica in casa

Non è ancora chiaro cosa abbia spinto Daniele Alba, un meccanico di 35 anni, verso l'insano gesto

Di Redazione |

In un primo tempo si era pensato che la bambina fosse scampata alla furia del padre, Daniele Alba, meccanico di 35 anni, che nella casa di famiglia, a Cianciana, in provincia di Agrigento, ha accoltellato la moglie e i due figli di 3 e 7 anni. Anche la bambina invece è stata colpita dai fendenti sferrati dall’uomo e adesso è ricoverata in gravi condizioni, così come il fratellino. La piccola è stata intubata e presenta un’emorragia cerebrale, mentre il bambino ha profonde ferite all’addome e al torace. Sono entrambi all’ospedale dei Bambini a Palermo dove la piccola è stata sottoposta a un delicatissimo intervento chirurgico: una delle coltellate avrebbe infatti sfiorato il cuore. La bambina è in condizioni disperate.

La moglie dell’uomo, Anetha, una donna di origini polacche, è stata invece portata in ospedale a Ribera: anche lei è stata operata, ma non sarebbe invece in pericolo di vita.

Davanti all’abitazione di Piazza Bellini, in una palazzina di edilizia popolare, stanno operando le forze dell’ordine che hanno fatto sgomberare la zona. Le indagini sono coordinate dal procuratore di Sciacca Roberta Buzzolani, competente per territorio.I carabinieri hanno avviato una trattativa nel tentativo di convincere l’uomo che si è barricato in casa a consegnarsi. I militari, che indossano giubbotti anti proiettile perchè non escludono che l’uomo sia armato, hanno fatto arrivare sul posto anche un carro telo dei vigili del fuoco, per scongiurare un tentativo di suicidio.

Non è ancora chiaro cosa si accaduto in quella casa: Alba avrebbe agito subito dopo una lite con la moglie. Secondo una prima ricostruzione, il meccanico, con precedenti per violenze in famiglie, avrebbe accoltellato la moglie e il figlio maggiore facendoli uscire di casa e tenendo con sé la figlia più piccola. E’ stato un operatore del 118 a convincerlo a consegnare la piccola, dopo essersi avvicinato con un cestello a una finestra dell’abitazione. La bimba era avvolta in una coperta sporca di sangue contenente anche un proiettile, circostanza che ha fatto ipotizzare che l’uomo fosse armato. Le forze dell’ordine stanno valutando l’ipotesi di fare irruzione nell’appartamento.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA