Notizie locali
Pubblicità
Catania, cinque giorni per cedere o rilanciare

Sport

Serie C, ricorso del Catania respinto: domenica play off contro il Foggia

Di Giovanni Finocchiaro

La decisione del Collegio di Garanzia dello Sport ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal Catania, che addirittura aveva inoltrato la documentazione il 9 dicembre 2020, per chiedere l'annullamento del -2 di penalità in classifica. A campionato concluso e con i play off che cominceranno domenica, a Roma si è deciso nelle scorse ore di non accettare il ricorso del club rossazzurro.

Pubblicità

Il Catania ha diffuso sul proprio sito una breve: "Prendendo atto del dispositivo e in attesa, ovviamente, di leggere la motivazione, il Calcio Catania esprime un notevole rammarico dettato dall'inalterata convinzione della bontà delle ragioni di diritto addotte; le stesse non risultano ridimensionate da una decisione di inammissibilità che sorprende, perché nemmeno ipotizzata dalla resistente Federazione Italiana Giuoco Calcio".

Squadra in silenzio, ieri la squadra si è allenata per preparare il match col Foggia. Di Piazza, Sarao e Welbeck sono recuperati, Russotto resta in forse, Giosa rientra dalla squalifica. Mancherà Albertini squalificato, oltre al portiere Confente che smaltisce i postumi di un intervento chirurgico.

Ecco il provvedimento del Collegio di Garanzia. "La Prima Sezione del Collegio di Garanzia  ha dichiarato inammissibile il ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 112/2020, presentato, in data 9 dicembre 2020, dalla società Calcio Catania S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché contro la Procura Federale della FIGC e con notifica effettuata anche alla Procura Generale dello Sport presso il CONI, per l'annullamento e/o la riforma, ai sensi degli artt. 54 e 62 del Codice della Giustizia Sportiva del CONI, della decisione della Corte Federale d'Appello della FIGC n. 046/2020-2021, depositata (completa di motivazioni) il 9 novembre 2020 e comunicata alla società istante in pari data, con la quale, in parziale accoglimento del reclamo proposto dalla suddetta società avverso la decisione del Tribunale Federale Nazionale - Sezione Disciplinare n. 10/TFN-SD 2020/2021, pubblicata e notificata in data 1 ottobre 2020, che aveva inflitto alla ricorrente le sanzioni della penalizzazione di quattro punti in classifica e dell'ammenda di € 500,00 per la contestata recidiva, è stata ridotta la penalizzazione medesima da quattro a due punti, con conferma dell'ammenda di € 500,00".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA